Così il fisco aiuta la prima casa

Per poter beneficiare degli sconti sull’acquisto della prima casa bisogna es­sere in possesso di determinati requisiti. Eccoli.

L’abitazione non deve essere di lusso. Sono dunque escluse dall’agevola­zione le ville, le costruzioni con giardino pari a sei volte l’area coperta e gli appartamenti con una dimensione superiore a 240 metri quadrati.

Residenza nel comune entro 18 mesi. l’immobile da acquistare deve esse­re ubicato nel comune in cui l’acquirente ha la propria residenza o dichia­ra di volerla trasferire: per farlo ci sono 8 mesi di tempo.

Non è necessario che l’immobile diventi anche l’abitazione principale dell’acquirente, cioè quella in cui il contribuente e la sua famiglia dimoreranno abitualmente.

L’importante è avere la residenza nello stesso comune. Si può così benefi­ciare dell’imposta ridotta anche sull’acquisto di un immobile che poi verrà dato in locazione oppure da destinare ai figli o ai genitori.

Aliquote ridotte anche per chi deve trasferirsi in un’altra città per motivi di lavoro, a condizione che l’immobile si trovi nel comune dove svolge la propria attività: in questo caso non si deve spostare la residenza.