Logo Mutuo Prestito Guide sul mutuo prestito, mutuo online,  informazioni per la scelta del mutuo casa.

Mutuo estinzione ipoteca

Per il Mutuo estinzione ipoteca (Argomento assai discusso, soprattutto dopo l'attivazione della nuova Finanziaria 2007), quando il "decreto Bersani" [D.lgs 7/2007] è stato convertito in Legge n°40/2007, nel 2 aprile 2007.

In generale, la richiesta di mutuo estinzione anticipata del proprio mutuo è considerato come inadempimento, poiché cesserebbe il rapporto contrattuale tra le parti e il mutuante (istituto bancario) non avrebbe più diritto a percepire gli interessi sul capitale per gli anni previsti dal contratto originario.

Detto questo, è importante sottolineare che il diritto di "estinzione anticipata" - da parte del debitore (cliente) - è garantito dalla Normativa del Testo Unico Bancario [art. 40 comma 1], difatti la Normativa garantisce al mutuatario la possibilità di estinguere anticipatamente il proprio debito, sia parzialmente che totalmente.

  • Estinzione parziale del mutuo ipoteca: quando viene versata anticipatamente una parte del capitale, che andrà dedotta dal debito residuo dell'intero mutuo; in tal caso la banca non potrà richiedere nessun interesse su quella quota per tutta la durata del contratto.
  • Estinzione totale del mutuo ipoteca: quando l'estinzione anticipata corrisponde all'intero capitale del mutuo, con chiusura definitiva dello stesso.

Molte banche, ancora oggi però, stabiliscono un limite minimo di durata del mutuo e realtiva ipotaca corrispondente a 18 mesi, prima dei quali non danno possibilità di questo diritto assoggettando una commissione di spesa come penale. Da qui le discussioni attuali, poiché tale atteggiamento contrasta con la Legge in vigore.

Immagine per un mutuo estinzione ipoteca. L'estinzione del mutuo è possibile grazie al decredto bersani, anche se è possibile che vengano addebitati costi accessori per la estinzione del mutuo sottoscritto con la banca.

Mutuo estinzione ipoteca sia parziale che totale

La possibile spiegazione di questa insistenza, da parte delle banche, è basata sul timore delle stesse di perdere il requisito contrattuale di "mutuo fondiario" (medio o lungo termine), venendo meno tutti i vantaggi di tutela ad esso collegati.

Alla luce di questi dati, possiamo dire che l'estinzione anticipata del mutuo spesso comporta il pagamento di una penale a favore della banca, se questo era previsto nel contratto originario: nel caso di "estinzione parziale", verrà calcolata solo sulla somma anticipata; nel caso di "estinzione totale" i conteggi saranno relativi all'intera somma del capitale estinto.

Da qui si deduce che il rimborso anticipato del mutuo ipotacaè una decisione da valutare seriamente, anche per non arrivare a pagare una cifra molto vicina allo stesso risparmio degli interesse non ancora maturati. Oltre alla penale relativa al capitale, la banca potrebbe aggiungere alcune spese di chiusura del mutuo, solitamente come cifra fissa e comunque contenuta.

La somma richiesta dalla banca, come indennità, varia a seconda del tipo di mutuo erogato. Generalmente le penali relative ai mutui a tasso fisso sono superiori a quelle applicate per i mutui a tasso variabile. Inoltre è importante sapere che l' estinzione anticipata del mutuo NON comporta la cancellazione automatica dell'eventuale ipoteca associata; per attuare questo bisogna attivare una supplementare procedura con determinati costi aggiuntivi per eliminare l' ipoteca collegata al mutuo richiesto.

Come già menzionata, l'attuale Legge n°40/2007 (riferibile all'attuale Finanziari col "decreto Bersani") annulla tutte le clausole contrattuali che prevedono penali, commissioni o altre prestazioni riferite all'estinzione anticipata del mutuo.

Un Accordo è stato stipulato tra l'ABI [Associazione Bancaria Italiana] e tutte le Associazioni dei Consumatori a livello nazionale [riconosciute nell'elenco del Ministero dello Sviluppo Economico], in sintesi questi i casi in cui viene applicato:

  • per tutti i mutui prima casa stipulati prima del 3 febbraio 2007
  • per i mutui acquisto/ristrutturazione immobili per abitazione o attività professionale, da parte di persone fisiche, stipulati prima del 4 aprile 2007 ed in essere a tale data


Sulla base di questo Accordo, le banche non possono rifiutare la rinegoziazione dei contratti di mutuo sopracitati. Comunque, la possibilità di estinzione anticipata è un DIRITTO del mutuatario (cliente). La Legge n°244/2007 stabilisce, inoltre, che tale diritto non decade neanche quando è presente l'accollo di un contratto preesistente.

In caso di richiesta di estinzione anticipata si devono compilare 2 moduli (da richiedere alla vostra banca), da inviare previa raccomandata a/r: il primo per la richiesta in sé, il secondo per la dichiarazione sostitutiva di notorietà, che attesta il possesso dei requisiti necessari.  Per maggiori informazioni visitare la seguente pagina del sito ufficiale dell'ADUC [Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori].

Guide utili per l' estinzione del mutuo e ipoteca:

Cancellazione ipoteca

Ipoteca

Mutuo ipotecari

Estinzione mutuo

Estinzione anticipata mutuo